Perché lo snus è illegale in Europa

Molti di voi avranno sentito parlare dello snus, il tipico tabacco per uso orale particolarmente popolare in Svezia e Norvegia, ma anche negli USA e in altre zone del mondo. 

Per coloro che non lo conoscessero cercherò di spiegarvi di cosa si tratta nel prossimo paragrafo, chi volesse sapere solo il motivo per cui in Italia e in Unione Europea è illegale può andare direttamente al paragrafo successivo. So quanto prezioso sia il vostro tempo e non voglio farvene sprecare nemmeno un po’! 

Che cos’è lo snus?

Lo snus ha una storia molto antica, i suoi utilizzi nei paesi Scandinavi risale a oltre due secoli fa e per questo, tutt’oggi in Paesi come Svezia e Norvegia, lo snus è una vera e propria istituzione. 

Stiamo pur sempre parlando di un prodotto del tabacco, in particolare un tabacco che viene assunto oralmente. 

Esistono vari tipi di snus, quello più tradizionale (loose snus) si caratterizza per essere venduto sciolto e non confezionato all’interno di piccole bustine. In questo caso chi lo utilizza dovrà compattare il tabacco con le mani prima di posizionarlo tra il labbro e la gengiva e lasciare che faccia effetto, rilasciando nicotina e aromi. 

Il difetto di questo snus, molto tradizionale e usato soprattutto da persone piuttosto anziane, sta nel fatto che crea molto sporco all’interno del palato e annerisce i denti durante l’utilizzo, una cosa sicuramente poco piacevole dal punto di vista estetico. 

Per questo motivo oggi lo snus is trova principalmente diviso in piccole porzioni all’interno di bustine. Ogni confezione di snus contiene circa 20 bustine ma il numero può variare a seconda dei prodotti e dei marchi che lo vendono e producono. 

In questo modo risulta molto più semplice utilizzare lo snus e si genera molto meno sporco all’interno del palato. 

Nei tempi già recenti è stato introdotta una nuova tipologia di snus, o, per meglio dire, una diversa tipologia di bustina. La bustine del cosiddetto “white snus” è più secca e risulta più chiara alla vista. Ciò fa sì che il prodotto risulti ancora più pulito. 

Un’altra tipologia di snus, meno diffusa, è il cosiddetto “dry snus”. Il tabacco, in questo caso è più secco e polverizzato. Un’altro stratagemma per ridurre la sporcizia nel palato. 

L’ultima frontiera sono i prodotti “All White”, dette anche “nicotine pouches”. In questo caso non stiamo più parlando di snus. Si tratta di prodotti che non contengono tabacco, ma solo nicotina e aromi. Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad una grande crescita di questa categoria di prodotti, soprattutto nei paesi dove è più diffuso lo snus, a partire dagli USA. 

Lo snus fa male?

Certo che fa male, si tratta pur sempre di un prodotto del tabacco. Inoltre la nicotina crea forte dipendenza. 

Tuttavia occorre fare delle precisazioni. Lo snus fa molto meno male delle sigarette, non lo dico io ma lo dice la FDA (Food and Drug Administration) negli USA. 

Recentemente infatti alcuni prodotti catalogati come snus sono stati ufficialmente classificati con meno dannosi rispetto alle sigarette. Da quel momento questi prodotti si trovano presso i rivenditori con una avvertenza sanitaria diversa in cui si dice che il danno rispetto alle sigarette è ridotto del 95%. 

Sebbene la decisione della FDA rappresenti una pietra miliare nella storia di questo prodotto, era piuttosto ovvio intuire che lo snus fosse meno dannoso delle sigarette. La maggior parte degli agenti cancerogeni, causa dei danni provocati dal tabagismo, si generano durante la combustione. È quando il tabacco brucia che i veleni e le sostanze nocive vengono inalate nei nostri polmoni causando ciò che tutti sappiamo e peggiorando sensibilmente la qualità della nostra vita. 

Lo snus, al contrario, non prevede nessuna combustione.  

Infine, non è un caso se la Svezia registri uno dei tassi di fumatori più bassi al mondo, e di conseguenza anche minori casi di tumori riconducibili al consumo di sigarette.

Perché lo snus è illegale in Unione Europea

dal 1992, lo snus è illegale in tutta la Comunità Europea ad esclusione della Svezia. Questo paese, infatti, portò avanti una vera e propria battaglia diplomatica prima di entrare a far parte della UE, riuscendo alla fine a ottenere una eccezione alla regola. Lo snus fu infatti considerato un prodotto che fa parte della tradizione svedese e per questo non fu vietato. 

Per quanto riguarda gli altri paesi la legge parla chiaro. È vietato il tabacco per uso orale, fatta eccezione per quello da mastico. 

Precedente

Successivo